Privacy Policy

Nove principi per valutare le stime e i sondaggi basati sulle intenzioni, con bibliografia e 35 anni di studi citati

Share this…FacebookTwitterLinkedinMentre stavo realizzando un piccolo modello predittivo e cercavo delle conferme teoriche su determinate ipotesi ho scoperto un libro estremamente valido e con una ricca bibliografia. “Principles Of Forecasting: A Handbook for Researchers and Practitioners” curato da J. Scott Armstrong, della Wharton School. Il manuale affronta tutti i modelli decisionali da quelli basati sul … Leggi tuttoNove principi per valutare le stime e i sondaggi basati sulle intenzioni, con bibliografia e 35 anni di studi citati

Quali sono i farmaci più venduti in Italia? Quelli per i quali è prevista la pubblicità

Share this…FacebookTwitterLinkedinI Farmaci più venduti in Italia sono i farmaci per i quali è prevista la pubblicità. I Farmaci senza obbligo di ricetta sul sito del Ministero della Salute sono divisi in OCT e SOP: Senza Obbligo di Prescrizione Overt The Counter o farmaci da banco o farmaci di automedicazione per i quali è prevista la … Leggi tuttoQuali sono i farmaci più venduti in Italia? Quelli per i quali è prevista la pubblicità

I Farmaci Più Distribuiti In Italia

Share this…FacebookTwitterLinkedin“Lo sai che la Tachiprina 500 Se ne prendi due diventa mille Si vede che hai provato qualcosina parlano Parlano le tue pupille E adesso che mi prendi per la mano vacci piano Che se mi stringi così” -Calcutta Il Ministero della Salute ha un set di open data sui farmaci più distribuiti, così … Leggi tuttoI Farmaci Più Distribuiti In Italia

A/B Test spiegato al Nerd che vuole rimorchiare su Tinder

Share this…FacebookTwitterLinkedinTi sei appena comprato l’ultimo profumo, l’addome non è proprio scolpito, la barba è perfetta, ma l’unico match che sei riuscito ad ottenere su Tinder è con il profilo finto della Mucca Carolina iscritta dal tuo amico Marco anche noto come “Il Capraro”. Inizi a riflettere che forse c’è un problema. Questa strategia del … Leggi tuttoA/B Test spiegato al Nerd che vuole rimorchiare su Tinder

Come Diventare DataScientist da Autodidatta

Share this…FacebookTwitterLinkedin-Dottore mio figlio vuole diventare DataScientist secondo lei è grave? -Gravissimo signora, mi dispiace per lei, ma io l’avevo avvertita. Purtroppo la medicina non ha risposte a queste malattie. Si prepari, si prepari, suo figlio andrà all’IKEA o per risparmiare tempo comprerà delle lavagne su Amazon(https://amzn.to/2NpOImd), ne abbiamo già visti di casi del genere. … Leggi tuttoCome Diventare DataScientist da Autodidatta

Open Data e Immigrazione se l'Italia fosse come la Nuova Zelanda

Share this…FacebookTwitterLinkedinQuesto post non dovrebbe essere sull’Immigrazione Neozelandese (in realtà il rilascio di Visti), il Viminale e gli Open Data, avevo promesso a Davide, un alumno di InnovAction Lab, che avrei discusso dell’importanza di non avere l’app di Facebook sul cellulare per evitare distrazioni e restare focalizzati. In sintesi se andate su questo sito statistico … Leggi tuttoOpen Data e Immigrazione se l'Italia fosse come la Nuova Zelanda

PCA spiegazione per fidanzati/mariti sfortunati prt 2

Share this…FacebookTwitterLinkedinNon so se la mia spiegazione sulla PCA fosse chiara,non lo so, e ci riprovo. E’ una tecnica che viene utilizzata molto frequentemente nel campo del Machine Learning, PCA sta a significare Principal Component Analysis. Ora Immagina. Per qualche sfortunata ragione, tu devi regalare una borsa alla tua ragazza/moglie/amante (e io nemmeno ai nemici … Leggi tuttoPCA spiegazione per fidanzati/mariti sfortunati prt 2

Marchionne, un vecchio articolo di HBR del 2008 e la mia esterofilia

Share this…FacebookTwitterLinkedin8 anni fa la Harvard Business Review (Italia) pubblicò insieme al Sole 24 ore un inserto speciale “I Segreti della Leadership” raccoglieva in 178 pagine circa 11 articoli scritti da illustri professori, top manager e consulenti. Ancora lo conservo e stranamente ricordavo che all’interno ci fosse un articolo scritto da Marchionne. Non l’ho mai … Leggi tuttoMarchionne, un vecchio articolo di HBR del 2008 e la mia esterofilia

Non solo Teoria

Share this…FacebookTwitterLinkedinHo ricevuto dei feedback negativi sull’ultimo post molto interessanti, sia da Filippo che da Francesco, organizzerò una cena a Formia per trattarli meglio. Una bella grigliata, una bottiglia di vino, un confronto in amicizia (in realtà io vorrei anche provare questo vermouth artigianale –>  https://amzn.to/2v0oles  che mi ha suggerito Luigi della Caffetteria, si dovrebbe … Leggi tuttoNon solo Teoria

La vita non è un biglietto della lotteria.

Il fallimento di un nostro progetto è una evento molto frequente ed ogni volta che mi capita di viverlo in prima persona o capita a qualche amico, oltre alla profonda tristezza che mi assale, vivo un intenso periodo di riflessione.
La cosa più sbagliata da fare è non pensarci, catastrofico è non assumere un atteggiamento critico verso i propri pensieri ed il progetto in se.
Questa mattina dopo aver chiuso dei lavori preliminari stavo aiutando un amico ad un progetto che temo non sia andato bene. Dopo esserci salutati, mi è venuta in mente una frase di Andy Groove:

When you say “yes” to one thing, you are inevitably saying “no” to another

Quando dici “si” a qualcuno o qualcosa, inevitabilmente stai dicendo “no” a qualcos’altro
La frase è tratta dal libro di Andy Groove che ho letto un paio di anni fa “High Output Management”, una lettura suggerita in un’intervista da uno dei fondatori di Airbnb.
Il tempo resta una risorsa scarsissima e spesso commettiamo, inconsapevolmente, numerose azioni che portano a procrastinare le attività importanti per terminare delle attività che nello scenario migliore sono classificabili come urgenze, più frequentemente sono attività posticipabili.
 
Molto spesso siamo noi ad autosabotarci (metti che scopriamo di essere bravi?), ma di questo ne vorrei parlare con il mio amico psicologo Francesco Tramontana https://francescotramontana.com e realizzare un bel video divulgativo.
 


Bisogna programmare il proprio tempo con tutta l’incertezza che governa la nostra vita, impegnarci nel definire in modo chiaro il tempo da dedicare ai nostri progetti importanti, altrimenti i nostri discorsi, azioni e riflessioni saranno incentrate sulla fortuna/sfortuna del caso.
Le variabili esterne ci sono, sempre, ma spesso sono una giustificazione nei confronti di una sbagliata organizzazione.

Nella sfortuna i perseveranti emergono sempre.

Qui sotto il link del libro  vi interessa la lettura:
High Output Management
 
Un abbraccio e grazie per aver letto il mio articolo.

 

Andrea

 

ps se noti qualche errore scrivimi pure, se ti è piaciuto ricondividilo! 🙂