Privacy Policy

Non solo Teoria

Share this…FacebookTwitterLinkedinHo ricevuto dei feedback negativi sull’ultimo post molto interessanti, sia da Filippo che da Francesco, organizzerò una cena a Formia per trattarli meglio. Una bella grigliata, una bottiglia di vino, un confronto in amicizia (in realtà io vorrei anche provare questo vermouth artigianale –>  https://amzn.to/2v0oles  che mi ha suggerito Luigi della Caffetteria, si dovrebbe … Leggi tuttoNon solo Teoria

La vita non è un biglietto della lotteria.

Il fallimento di un nostro progetto è una evento molto frequente ed ogni volta che mi capita di viverlo in prima persona o capita a qualche amico, oltre alla profonda tristezza che mi assale, vivo un intenso periodo di riflessione.
La cosa più sbagliata da fare è non pensarci, catastrofico è non assumere un atteggiamento critico verso i propri pensieri ed il progetto in se.
Questa mattina dopo aver chiuso dei lavori preliminari stavo aiutando un amico ad un progetto che temo non sia andato bene. Dopo esserci salutati, mi è venuta in mente una frase di Andy Groove:

When you say “yes” to one thing, you are inevitably saying “no” to another

Quando dici “si” a qualcuno o qualcosa, inevitabilmente stai dicendo “no” a qualcos’altro
La frase è tratta dal libro di Andy Groove che ho letto un paio di anni fa “High Output Management”, una lettura suggerita in un’intervista da uno dei fondatori di Airbnb.
Il tempo resta una risorsa scarsissima e spesso commettiamo, inconsapevolmente, numerose azioni che portano a procrastinare le attività importanti per terminare delle attività che nello scenario migliore sono classificabili come urgenze, più frequentemente sono attività posticipabili.
 
Molto spesso siamo noi ad autosabotarci (metti che scopriamo di essere bravi?), ma di questo ne vorrei parlare con il mio amico psicologo Francesco Tramontana https://francescotramontana.com e realizzare un bel video divulgativo.
 


Bisogna programmare il proprio tempo con tutta l’incertezza che governa la nostra vita, impegnarci nel definire in modo chiaro il tempo da dedicare ai nostri progetti importanti, altrimenti i nostri discorsi, azioni e riflessioni saranno incentrate sulla fortuna/sfortuna del caso.
Le variabili esterne ci sono, sempre, ma spesso sono una giustificazione nei confronti di una sbagliata organizzazione.

Nella sfortuna i perseveranti emergono sempre.

Qui sotto il link del libro  vi interessa la lettura:
High Output Management
 
Un abbraccio e grazie per aver letto il mio articolo.

 

Andrea

 

ps se noti qualche errore scrivimi pure, se ti è piaciuto ricondividilo! 🙂

PCA Parte Prima

Share this…FacebookTwitterLinkedinTra i vari progetti di Luglio e Agosto ci potrebbe essere un progetto di ottimizzazione dei costi per una società UK (non è la stessa dei cupcakes) che potrebbe richiedere l’applicazione della PCA. In questo articolo (e forse anche un successivo) proverò a spiegare un concetto fondamentale e particolarmente utile. Devo premettere che la … Leggi tuttoPCA Parte Prima

Back In Black

Share this…FacebookTwitterLinkedinGiugno è stato un mese veramente intenso! Partiamo dalle cose importanti, sono riuscito a rivedere con un aperitivo di InnovAction Lab Roma Nicola Greco! L’ultima volta che l’avevo visto era due tre anni fa a Roma, insieme ad Enrico Bruschini, prima che entrasse al MIT a Boston, avevamo organizzato una cena molto ruspante a … Leggi tuttoBack In Black

Giugno dolci dati ed ottimizzazioni

Share this…FacebookTwitterLinkedinLa vita è sempre trionfo dell’improbabile e miracolo dell’imprevisto. Sono tornato da Londra e sicuramente resterò qui in Italia fino a metà Luglio. Da metà Marzo fino alla prima settimana di Maggio ho lavorato una catena che produce cupcakes Lola. Il negozio era un chiosco all’interno della stazione di Marylebone, veramente una bella esperienza, … Leggi tuttoGiugno dolci dati ed ottimizzazioni

Innovazione PI-Campus e riflessioni

Share this…FacebookTwitterLinkedinIl piano di ieri era quello di andare a tornare in giornata da Roma per l’evento del PI-Campus con Carlo Gualandri e Roberto Bonanzinga. La realtà però è sempre diversa e così, dopo l’evento, mi sono ritrovato a mezzanotte all’inizio del concerto dei Punkreas all’Acrobax in giacca, camicia e pantalone (la foto con occhiaie … Leggi tuttoInnovazione PI-Campus e riflessioni

Aggiornamenti su questa residenza Londinese

Share this…FacebookTwitterLinkedinSono passati ormai due mesi da questa mia permanenza in UK, sono cambiate e successe diverse cose. Al clima, sempre variabile, ormai ho fatto l’abitudine. Sono riuscito ad andare a correre sotto la neve, quindi considero il peggio passato, se, e solo se, i miei amici la smettessero di inviarmi le foto al tramonto … Leggi tuttoAggiornamenti su questa residenza Londinese

Le 25 skills più richieste per un Data Scientist (tratto da una storia vera) prt 1

Share this…FacebookTwitterLinkedinNon è facile essere un wannabe Data Scientist Essere un Data Scientist è veramente difficile, essere un Data Scientist autodidatta ancora peggio. Il tempo non è mai abbastanza, c’è bisogno di focalizzarsi e focalizzarsi verso quello che il mercato del lavoro vuole, in questo modo ci saranno più possibilità di farcela, almeno all’inizio. Dove … Leggi tuttoLe 25 skills più richieste per un Data Scientist (tratto da una storia vera) prt 1

La differenza tra Vincere ed avere Successo secondo John Wooden

Share this…FacebookTwitterLinkedinCol nuovo anno Alessandro mi aveva girato questo video del TED di John Wooden John Wooden è stato un allenatore di pallacanestro e cestista statunitense. E’ stato il tecnico più vincente della storia del basket collegiale USA alla guida degli UCLA Bruins. Nel video del TED definisce dei punti chiave sia sul successo che … Leggi tuttoLa differenza tra Vincere ed avere Successo secondo John Wooden

DataCamp.com considerazioni sul "DataScientist Career Track with Python"

Share this…FacebookTwitterLinkedinIeri, 30 Dicembre, ho finito il “Career Track da Data Scientist con Python” su DataCamp.com. E’ stata una bella avventura durata per la precisione 226 ore(monitorate con la tecnica del Pomodoro). Il piano di studi  è composto da 20 corsi, ai quali ho aggiunto due su SQL e PostgreSQL .   Il percorso è … Leggi tuttoDataCamp.com considerazioni sul "DataScientist Career Track with Python"