Privacy Policy Winter is coming- Dicembre 2020 – Stanchezza, Costanza, KPI e Banca Del Tempo | Andrea Ciufo

Winter is coming- Dicembre 2020 – Stanchezza, Costanza, KPI e Banca Del Tempo

In questo periodo inizio a sentire la stanchezza e lo stress.

Probabilmente sono tanti fattori che si sommano: le porte in faccia che sto prendendo sul lavoro, l’intensità dello studio da autodidatta e le restrizioni sociali che sto vivendo a causa del COVID.

A scanso di equivoci questa non è una richiesta di commiserazione, ma semplicemente lo stato attuale delle cose.

Sono emozioni e sensazioni che voglio brevemente condividere perché in questo mondo edulcorato, fatto di storie Instagram dove tutto va bene ed è perfetto, è giusto raccontare dell’esistenza di momenti più complessi e dell’essere fallibili.

Fortunatamente sono anche consapevole che tutto è temporaneo.

Mi raccomando un solo consiglio: quando non ce la fate e siete al limite non vergognatevi di chiedere esplicitamente una mano, vedrete molto più affetto di quello che immaginate.

Garantito al 100% per esperienza personale.

Python

L’approfondimento del Machine Learning e di Python resta la mia priorità.

Nei piani di lungo termine rimane la volontà di diventare un Senior Data Scientist.

Essendo parzialmente autodidatta come prima KPI per quantificare e monitorare questo obiettivo nel 2017 mi sono dato la regola delle 10.000 ore di esperienza.

Ho iniziato con lo studio ad Agosto 2017 e per fine 2020 stimo di coprire il 29.5% dell’obiettivo. Chiudere le prime 3000 ore per fine 2020 è improbabile, 2950 ore è molto più verosimile.

Linea rossa tratteggiata: Curva Cumulata ideale delle 3 ore al giorno-Linea blu: Ore cumulate effettive

Come sotto-obiettivo ho deciso di dedicare all’argomento Python almeno 3 ore di studio/lavoro al giorno tutti i giorni, purtroppo per tante ragioni non ci sono riuscito nel 2017-18-19.

Perchè 3 ore al giorno? Perchè in questo modo ci vogliono circa 10 anni per raggiungere 10.000 ore di esperienza.

Il 2020 è stato un anno differente e l’obiettivo delle 3 ore l’ho ampiamente superato.

E’ evidente che essere pagato per lavorare utilizzando python è stata la prima variabile di questo successo.

Nonostante gli impegni su più fronti, nel 2020 si è concentrato il 40% di tutta la mia crescita e ci sono ancora 3 settimane di sprint prima che si chiuda l’anno.

Linea rossa tratteggiata: Curva cumulata ideale delle 3 ore al giorno-Linea blu: Ore cumulate effettive

I due momenti di rallentamento di quest’anno sono stati:

  • Aprile, quando mi sono occupato di aiutare Lolas Cupcakes nel definire la logica dei fogli excel per la gestione delle scorte
  • Agosto-Settembre, quando ero operativo a Gaeta.

Attualmente ci sono due progetti molto interessanti ai quali sto collaborando:

  • Un classificatore per ecomerce che permetta di capire se due prodotti sono uguali analizzando il titolo ed altre features (Molto machine learning, nello specifico Natural Language Processing)
  • Una regressione che permetta di modellare il successo di finanziamento di un progetto su una piattaforma di P2P Landing, sulla base dei dati disponibili su https://october.eu/about-us/ (Test delle Ipotesi ed Intervalli di Confidenza)

Successivamente mi dedicherò a svilupparne un altro paio, perchè dei cari amici mi hanno chiesto un supporto.

Banca Del Tempo

Qualche giorno fa Damiano Ramazzotti mi aveva contattato perché voleva dei feedback su una banca del tempo che stava costruendo per associazioni no-profit e tutte quelle persone che vogliono dare il loro contributo senza chiedere soldi.

Da quello che ho capito: tu hai un problema che io posso risolvere. Io ti dedico il mio tempo e conoscenze mentre dall’altro lato tu hai la possibilità di “ripagarmi” dedicando quelle stesse ore per aiutare qualcun’altro e viceversa.

Ad esempio immagino una associazione all’interno della quale ci sia un medico o uno psicologo che gratuitamente decide di visitare i membri dell’associazione che lo richiedono. Queste persone possono ricambiare impegnandosi a dedicare quelle stesse ore per fare altro in funzione delle loro competenze (es. assistenza legale, tecnica oppure raccolta fondi per l’associazione).

Qualcuno potrà obiettare che le ore del medico non valgono quanto le ore di volantinaggio. Considerazione vera sul piano economico, ma, fortunatamente, non tutti ragionano esclusivamente in termini di denaro come bene di scambio.

Ritorniamo a Damiano, perchè ha realizzato queste due piattaforme:

https://wedo.community/ (WeDo è la piattaforma per associazioni che vogliono utilizzare la banca del tempo)

Se collaborate con qualsiasi associazione o organizzazione, o volete aiutare qualche amico che se ne occupa vi consiglio assolutamente di darci uno sguardo e di farvi una chiacchierata con lui.

Allenamento

A Novembre sono andato a correre molto spesso alle 06:30 del mattino pensavo fosse una missione impossibile, ma invece è assolutamente fattibile.

Inoltre a quest’ora non c’è nessuno, mentre già alle 07:00 il parco si riempie di persone.

Probabilmente a Dicembre e Gennaio continuerò con questi ritmi.  

La corsa ha innumerevoli benefici, ad esempio mi permette di andare a dormire più rilassato ed essere più concentrato quando devo lavorare.

Ma chi ci crede!

Il vero ed unico motivo è perchè in questa casa, quando non cucino io preso dalla fretta, si mangia troppo bene!

Semola l’ultima volta ha preparato un tiramisù con la ricetta di Iginio Massari che mi sogno la notte. Cremoso, soffice, non era un dolce era un’opera d’arte.

La stessa costanza l’ho dedicata per gli esercizi di fisioterapia che devo continuare a fare.

Dopo la tendinite che mi sono beccato a Luglio ancora non posso riprendere ad allenarmi come vorrei, ma fortunatamente non è minimamente paragonabile a come stavo conciato tra Luglio e Agosto

Lavoro

Il mio obiettivo è quello di entrare in una multinazionale e farmi le ossa.

E’ una cosa che con Ale ci diciamo dal 2014, ma solo recentemente sono riuscito a dedicarmici con costanza.

A Novembre, dopo un mese passato a togliere la ruggine che si era formata tra Agosto e Settembre (vedi la linea piatta nei grafici al paragrafo “Python”), ho ripreso attivamente a cercare lavoro.

Sono stato contattato telefonicamente da Ocado e Costa Cofee per valutare una posizione come Data Scientist.

Questa settimana devo leggermi bene le varie posizioni aperte e valutare se applicare o meno in base all’esperienza.

Giovedì scorso, dopo aver superato una preselezione attraverso uno screening del cv, ho avuto la prima interview telefonica di 45min con Amazon.

Purtroppo nonostante mi sentissi molto sicuro di come fosse andato, esclusi due errori dei quali ero consapevole, Venerdì ho ricevuto la notifica che non sono riuscito ad accedere allo step successivo.  

Nonostante questo mi è stato chiesto dalla stessa azienda di applicare per altre posizioni e nelle prossime settimane potrebbe esserci un possibile colloquio come Data Scientist perché il mio CV è nuovamente sotto scrutinio.

Non ho preso schiaffi solo da Amazon ma anche da Revolut e Checkout.

Certo non è piacevole, anzi, ma cadere e rialzarsi fa parte delle regole del gioco della vita.

A questo proposito mi viene in mente una frase di Zeman:

Il risultato è casuale la prestazione no

Lettura

Curiosamente ho iniziato a partecipare ad un gruppo di lettura a distanza.

In questo modo evito di leggere esclusivamente saggistica e testi tecnici.

Ma come funziona?

Fondamentalmente con questo gruppo di lettura ci si vede due volte a settimana su Skype ed ognuno a turno legge una pagina ad alta voce.

Attualmente stiamo leggendo Wonder una novella di  R. J. Palacio, un libro che racconta la storia di un bambino delle medie affetto da sindrome Tracher Collins.

Mi sta piacendo molto, è un libro particolarmente emotivo che sicuramente affascinerà chi lavora nel campo dell’educazione e della pedagogia.

Tornando al gruppo di lettura!

I ragazzi e le ragazze sono al 90% di Catania con un paio di membri di romani, i differenti accenti rendono la cosa ancora più divertente.

Tutto è nato da una mia domanda su un gruppo Facebook dove chiedevo “Con chi hai la possibilità di parlare dei libri che leggi?”

A quella domanda, oltre agli amministratori del gruppo che avevano paura di un potenziale furto di membri dal medesimo ad un ipotetico gruppo Y, mi ha risposto Giada la deus ex machina del progetto.

Dopo una chiacchierata per approfondire le dinamiche e capire se il gruppo era compatibile con i miei impegni sono stato catapultato in questa particolare avventura.   

O-V-V-I-A-M-E-N-T-E in parallelo sto finendo il libro su Alibaba e Jack Ma.

Ad oggi uno dei punti che più mi ha colpito è il background non tecnico di Jack Ma, è stupefacente il suo passato da insegnante e di come abbia rivoluzionato in Cina il mercato degli Ecommerce.

Devo raccontare un ultimo punto sul quale qualcuno potrà storcere il naso e dissentire. Uno dei libri che più mi ha emozionato quest’anno è stato “Sergio Marchionne” di Tommaso Ebhardt (Bloomberg Italia). Un libro che se dovessi sintetizzare con una frase sarebbe:

You have to make a bloody difference

-Sergio Marchionne

Famiglia

A casa tutto bene, nonostante io faccia il desaparesidos.

Vorrei sentire tutti i parenti un po’ più spesso, un mio personale difetto che mi porto da quando sono nato, anche perchè è sempre un piacere sapere come stanno e sentirli.

Fortunatamente con Claudia, mia sorella, non manca occasione per scriverci ed abbiamo cominciato anche ad andare a lezione di inglese insieme da Gareth.

Ogni mercoledì ci vediamo su Google Meet e discutiamo di un particolare arogmento o di un articolo della Harvard Business Review.

Inoltre ogni lunedì e venerdì ci aggiorniamo via mail su come vanno le cose a Formia e, quando il tempo me lo permette, come posso essere di supporto a distanza.

Purtroppo quest’anno a Natale sarò a Londra e causa covid non mi sarà possibile litigare, sbagliare casa il giorno della vigilia(come quella volta che mi sono presentato dagli zii a Via dei Banchi Vecchi ma tutti i parenti erano dall’altra zia sulla Portuense) e tante altre pittoresche situazioni che riesco a creare e rendono magicomico il Natale Romano.

Mi mancheranno tutti quest’anno, anche gli infami che ti fregano il salmone dal piatto.

Finanze

Visto che spesso qualcuno mi chiede “ma come fai a vive a Londra se sei disoccupato“.

Fino ad Aprile non ci sono problemi di alcun tipo perché con i soldi che ho messo da parte con il lavoro precedente, i due mesi di lavoro estivo ed il lockdown, nonostante viva in una delle capitali più costose al mondo, ho un burn rate mensile di 1300€ Vini Inclusi, a questo aggiungete che l’ultima mia vacanza risale ad un anno fa.

InnLab

In questo periodo sono stato un po’ meno attivo del solito con l’associazione Alumni Di InnovAction Lab, causa anche la ricerca del lavoro e la mia dedizione con Python

Per il 2021 dovrei lanciare un nuovo podcast pubblico dove si parlerà di innovazione ed intervisterò un po’ di alumni sparsi per il mondo.

Non vedo l’ora!

L’idea di renderlo pubblico sarà interessante, vedremo come andrà e quanto tempo richiederà.

Credo sia tutto.

Un abbraccio ed un bacio digitale.

Andrea

Lascia un commento