L’Aquila non è una barzelletta

Questo week end potevo andare a vedere la beatificazione del papa oppure andare al concerto del primo maggio oppure un mio classico: studiare. Sapete un pò? Non ho fatto nulla di tutto questo.

WoooooW

Il primo è un evento davvero osceno avete presente la scena di Gesù che sbrocca nel tempio di Gerusalemme? Ecco credo che se il papà fosse vivo avrebbe fatto o detto lo stesso. Prezzi degli hotel triplicati, foto in vendita ovunque, eppure pensavo che dall’epoca di Martin Lutero questa Romana Sacra Chiesa avesse capito qualcosa; sto lupo perde il pelo non il vizio! Per carità, stimo il papà, ma penso che ci siano persone laiche che abbiano lasciato un contributo veramente incisivo e per i quali tutto sto casino non è stato fatto. Basta nominare Falcone e Borsellino per esmpio!

Il secondo evento ormai ha perso  il suo significato profondo”solidarietà internazionale dei lavoratori”[cit wikipedia]. Ma davvero la solidarietà si esprime attraverso lo sfascio più brutto ed osceno durante un concerto? Perchè diciamocelo chiaramente  il 70% delle persone che va al concerto del primo maggio ritorna in condizioni pietose, per non aggiungere la piazza che dopo è una discarica a cielo aperto, alla faccia di Sinistra ed Ecologia.

Ma davvero i ragazzi che stanno lì sanno che l’Italia è il paese con il più alto tasso di morti sul lavoro europeo? Ma io lo spero!

Di studiare invece non mi andava troppo.

Sapete che ho fatto?

“Me ne so ito all’Aquila!”

Lì ho ritrovato un pò di amici, Francesco compagno del liceo, Mariafrancesca ed Anna e ne ho conosciute di altre fantastiche.

E’ surreale passare per certe vie. Il terremoto più vicino è quello del Giappone, l’Aquila è stata un pò dimenticata ma lì non è cambiato nulla dal 2009.

Il centro storico ha tutte strutture in acciaio per sostenere il calcestruzzo lesionato.

Case fantasma.

La casa dello studente trasmette paura ed a vederla mi sono venuti gli occhi lucidi.

Solo questa incapacità nella gestione dell’emergenza, solo per le bugie raccontate alle persone che per disperazione se le sono bevute, solo questo, non di più io non posso vedere una persona come Berlusconi.

Attualmente non è cambiato

Il rispetto della gente non è una barzelletta.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Notizie e politica, Racconti universitari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...