Preludio Alle #Liberalizzazioni prt1

Ho finito da poco di leggere l’ultimo articolo sulle Liberalizzazioni, è da lunedì che seguo il Corriere, Repubblica, il Fatto Quotidiano, il 24Ore ed esprimere delle considerazioni mi risulta non facile, perchè se è vero che si poteva fare di più è anche vero che fino ad oggi con i governi democraticamente eletti si è fatto troppo poco(bisogna tornare al 2006 al tanto contestato Governo Prodi e alle lenzuolate di Bersani per rievocare le Liberalizzazioni). Purtroppo però questo articolo, molto breve, è solo un preludio di quello che domani sera pubblicherò in merito al decreto.

Quattro dati sulla situazione attuale.

Pil

Nonostante i ristoranti siano pieni, altri settori non se la passano bene e l’Italia da anni fatica a crescere in termini di PIL(si potrebbe discutere anche su questo indicatore, ma non è sede e momento) rispetto alle cifre dei BRIC, lo si può vedere anche dal posto in cui ci collochiamo come tasso di crescita su scala globale dal grafico.

Libertà d’Impresa

Siamo uno dei peggiori paesi a livello europeo sulla libertà d’impresa. Se si considera l’indicatore dell’Istituto Bruno Leoni ci classifichiamo all’ultimo posto in Europa.

Un indicatore che si basa su:

Libertà dal fisco

Libertà dallo Stato

Liberta del Lavoro

Libertà dalla Regolamentazione

Per rendere l’idea la pressione fiscale di un operaio è del 34%  e 47%  di un altro impiegato.

 

Disoccupazione Giovanile

La disoccupazione giovanile in Italia è al 30%, la media UE è del 22%

Costo dell’energia

Come vedete il costo dell’energia è molto più alto in Italia rispetto Francia e Germania e questo incide notevolmente sul costo del prodotto finito, conseguentemente sulla competitività.

Dati presi dalla relazione annuale dell’Autorità per l’energia (www.autorità.energia.it).

 

La premessa come vedete non è delle più rosee e saranno proprio questi 4 punti più altri 3(Infrastrutture-Taxi-Farmacie) sui quali mi focalizzerò nel successivo post.

Davvero mi dispiace lasciare il discorso così appeso ad un filo ma si tratta di aspettare poche ore 🙂

To be continued…

 

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Ingegneria, Notizie e politica, Salute e Benessere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...