Considerazioni sugli hedge fund, non mie, ma condivise

One trader’s gain is simply another trader’s loss

C’è stato un articolo che mi ha colpito molto nel numero di ottobre della HBR scritto da Roger Martin, il coautore di “Playing To Win” con Lafley (CEO P&G), il ritardo nel raccontarvelo è semplicemente dovuto ai tempi che mi sono serviti per metabolizzarlo.

L’articolo descrive come dagli anni 30 ad oggi il mercato del lavoro americano sia sensibilmente cambiato premiando e basandosi sui talenti e di come purtroppo questo sistema oggi si sia corrotto.

Premessa: per “aziende basate sui talenti” si intendono industrie dove il vantaggio competitivo è nel prodotto, nella R&D, i cui asset non siano lo sfruttamento di risorse naturali.

Snocciolando un po’ di numeri nel 1963 in America le prime 50 aziende per capitalizzazione includevano società come IBM (quarto posto), Kodak, P&G, ma queste erano ancora poche.

Nel 2013 più della metà delle 50 aziende con la maggiore capitalizzazione erano “talent-based” e tra le quattro (Apple Microsoft Google e ExxonMobil) più grandi 3 erano talent based .

Questa sfida dei talenti ha richiesto alle aziende la capacità di saper motivare, stimolare ed attrarre i talenti presenti e futuri. Il sistema più utilizzato, soprattutto per i vertici, è stato un sistema di stock option.

La “sfida dei talenti” ed i nuovi sistemi di retribuzione, chiamiamola volgarmente “liquida+equity”, hanno portato ad un aumento delle paghe degli amministratori delegati (CEO).

Guardando il mercato del lavoro americano le retribuzioni sono in una prima fase raddoppiate (anni 70-90) fino a quadruplicarsi durante i 90 e continuare a crescere nel tempo.

 

Dopo questa analisi l’autore sposta il focus analizzando il sistema alla base della retribuzione degli Hedge Fund (fondi speculativi),un sistema dalle origini antiche riabilitato per i tempi moderni:

  • il sistema 2&20 che ha origini fenice

Prima di leggere l’articolo i Fenici per me erano quelli della porpora, della scrittura fonetica, quelli del “no guardi professoressa oggi a storia non sono preparato”.

In realtà c’è di più ed io lo ignoravo.

Nell’antichità il trasporto delle merci via nave era molto pericoloso, così se i mercanti/trasportatori fenici riuscivano a portare le merci a destinazione entravano in possesso del 20% del carico come premio.

Questo sistema è stato poi utilizzato dagli hedge fund manager per strutturare le loro retribuzioni.

Come funziona un fondo di hedge fund?

E’ un fondo di investimento, gestiscono soldi altrui investendoli ed in cambio garantiscono dei ritorni sul capitale investito. Oltre alla fee (commissione) per la gestione dei risparmi gli hedge fund manager guadagnano il 20% dei profitti scaturiti dalla gestione (es. io do 100 all’investitore, lui investendo opportunamente riesce a far crescere il valore del capitale portandolo ad un ammontare di 140 lui si prende 2+8 cioè 10 ed a me tornano 130), questa percentuale bonus prende il nome di “Carried Interest”

Per rendere l’idea i 25 hedge fund manager del 2010 sono riusciti a realizzare 4 volte i profitti di tutti i CEO di Fortune 500, (potete approfondire in questo articolo di Steven Kaplan, dell’Università di Chicago, e di Joshua Rauh di Stanford)

Come sono riusciti a fare tutti questi soldi?

Attraverso il trading

L’articolo evidenzia subito il “lato oscuro” del trading: al trader non interessa se l’azienda di cui possiede le azioni vada bene o male, il suo interesse è nella volatilità delle azioni.

Più la volatilità della quotazione di una azienda è alta, più è alto il guadagno potenziale per il trader

Non importa che si crei valore di lungo termine.

Un’affermazione forte che fa l’autore è relativa al valore delle azioni, questo è rappresentativo delle aspettative del mercato nei confronti dell’azienda non dell’effettivo stato attuale di questa.

La conseguenza del comporamento degli hedge fund manager è l’aumento della volatilità dell’economia e l’arricchimento di una piccola quota di persone, non si verifica una distribuzione di valore dal loro operato.

Quantitativamente ha portato gli hedge fund manager ad essere “la seconda tipologia” di persone più ricche (31) nella lista di Forbes 400 seguiti secondi solo dagli imprenditori Hardware e Software (39)

Come evitare che questo sistema degeneri?

Vengono evidenziati due attori che possono avere un ruolo decisivo:

I fondi pensione e lo stato

Infatti i fondi pensione insieme ai fondi sovrani sono i più grandi prestatori di azioni ed investono globalmente 11,5 Trilioni di dollari, all’interno di questo sistema gli hedge found sono i maggiori debitori (ho avuto serie difficoltà nella traduzione di borrowers perdonatemi). Inoltre, sono i fondi pensione ed i fondi sovrani a favorire retribuzioni “stock-based”

Lo stato deve intervenire per regolamentare quelle che sono le relazioni tra gli hedge fund ed i fondi pensione:

-I “carrided interest” non devono avere una tassazione agevolata ma devono essere tassati al pari delle entrate normali dei lavoratori

-Si devono tassare gli scambi di azioni, il governo dovrebbe introdurre un sistema come la Tobin tax sulle transazioni finanziarie per disincentivare scambi con elevata frequenza (in alcune banche italiane i dipendenti che possiedono azioni non possono venderle nelle prime 24 ore dall’acquisto)

-E’ necessario rivalutare l’intero sistema di tassazione, a differenza del nostro sistema, la tassazione americana si caratterizza per una pressione fiscale bassa sulle entrate personali ed alta sulle entrate delle aziende.

 

Cosa ne penso io personalmente?

L’articolo mi ha fatto riflettere molto sulle disparità che esistono in America, se da un lato il loro modello pensionistico/fiscale è giustamente criticato dall’autore il nostro, per ragioni diametralmente opposte, non è da meno.

In Italia abbiamo una tassazione sulle rendite finanziarie che è passata dal 20%(introdotta da Berlusconi nel 2011) al 26% nel 2012, quindi non c’è questo squilibrio sui “Carried Interest”, che invece c’è in America.

In Italia invece c’è un cuneo fiscale del 47,8% contro una media Ocse del 35,9% a fronte di servizi pubblici inefficienti, ma questa è una mia personalissima considerazione.

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Notizie e politica

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...