La ripresa dalle vacanze post mortem sullo standby dei progetti

Negli ultimi giorni ho speso una quantità di tempo decisamente non accettabile (8,5 ore nette), per riprendere la realizzazione delle tavole di un laboratorio di progettazione stradale. Progetto che avevo messo in pausa tra 29 e il 30 di Luglio, quindi meno di 15 giorni fa. Stupidamente, avevo:

1. Interrotto il lavoro durante un’attività delicata di rilievo di quote ed approssimazione di un set di dati 2. Lasciato il foglio di lavoro CAD in disordine con elementi meno recenti che hanno determinato una fisiologica confusione durante la ripresa

Così oggi dopo essere riuscito finalmente a capire “dove ero rimasto”, ho deciso di realizzare un piccolo post-mortem.

Riflessioni sui flussi di lavoro

Riflessioni sui flussi di lavoro

Quando si studia una materia il processo è, generalmente, lineare. Vi sono una serie di capitoli, argomenti, da studiare in sequenza che caratterizzano il programma d’esame, ma non ci sono grosse problematiche se si interrompe il lavoro. Si tratta di ripassare il lavoro precedentemente interrotto, ma personalmente non mai avuto altre complicazioni. Quando si lavora su progetti più complessi* possono essere richieste differenti attività in parallelo da realizzarsi (A1 –A2) necessarie per procedere con l’attività successiva (A3) Se il lavoro deve essere interrotto è ideale fermarsi prima di iniziare una nuova attività, non nel mezzo di una in corso come ho fatto io. Purtroppo non è sempre così e possono determinarsi delle interruzioni obbligate di qualsiasi natura** che impongono di bloccare un progetto nel cuore di una attività chiave (si potrebbe obiettare giustamente, che se fosse una attività chiave non dovrebbe esserci nessun tipo di interruzione, ma non sempre è così). Sono stato a riflettere su come evitare nel futuro che interruzioni impreviste o mal gestite possano ricreare una situazione scomoda come quella precedentemente vissuta. Sono uscite fuori due, banalissime, soluzioni o semplicemente buone abitudini, che nella loro semplicità non sempre vengono sfruttate.

• Lasciare l’ultima versione del disegno pulita. Non importa se ci lavorerete solo voi, il passare di un arco di tempo importante potrebbe determinare dei problemi durante il riavvio dell’attività • Realizzare un documento di riepilogo-memoria contenente in poche righe:

1. Cosa è stato realizzato nelle ultime due  sessioni di lavoro

2. Attività da realizzare nel breve termine

3. Quali difficoltà sono accorse per cui non si è riusciti a terminare il lavoro

*  nota, un grado maggiore di complessità non significa necessariamente un grado di difficoltà maggiore rispetto ad un processo lineare meno complesso (mentre io cercavo di riprendere il punto finale del disegno uno dei miei amici più stretti studiava accanto a me le equazioni della teoria della relatività, arabo puro) ** o essere semplicemente stupidi come nel mio caso

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in Ingegneria, Racconti universitari

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...