Archivi tag: big data

Back In Black

Giugno è stato un mese veramente intenso!

Partiamo dalle cose importanti, sono riuscito a rivedere con un aperitivo di InnovAction Lab Roma Nicola Greco!

L’ultima volta che l’avevo visto era due tre anni fa a Roma, insieme ad Enrico Bruschini, prima che entrasse al MIT a Boston, avevamo organizzato una cena molto ruspante a base di pomodori e mozzarella di bufala nel periodo di Natale. Ora  sta lavorando per File Coin l’azienda che ha realizzato la più grande ICO  Italiana (257 Milioni di dollari)

Non so spiegare bene cosa facciano questo video invece ci riesce egregiamente:

Inoltre sia il Negroni Sbagliato che il Cosmopolitan erano fatti a regola d’arte, particolare che non mi sento di trascurare.

Cambiando discorso, vi rircordate il rapporto che dovevo realizzare per la società di dolci?

La stesura del rapporto è quasi finita, tanto sudore e matrici, ma forse è più corretto chiamarlo “modello predittivo” che rapporto.

Se ho fatto bene i conti, forse, sono riuscito ad implementare una regressione linerare polinomiale che garantisce una accuratezza migliore del 50% sulle stime (per i tecnici del mestiere, valutazione effettuata su un campione di dati che ho splittato nel classico 70/30, con il tempo forse nei prossimi giorni implementerò una crossvalidation del modello)

Nonostante questo la presentazione del lavoro è ancora mediocre, senza considerare l’inglese con la quale l’ho scritta, anche questo da migliorare.

 

Tutto procede come imprevisto

Sarei dovuto ripartire a breve, fino ad un mese fa questo era il programma,  ma uno dei lavori che sto curando qui in Italia durerà fino a fine Settembre.

Ovviamente Tramontana (fondatore di una delle pagine italiane facebook più importanti di psicologia “Talking“)aveva previsto la mia permanenza estiva qui in Italia già in tempi non sospetti vincendo una scommessa.

Puoi leggere, leggere, leggere, che è la cosa più bella che si possa fare in gioventù: e piano piano ti sentirai arricchire dentro, sentirai formarsi dentro di te quell’esperienza speciale che è la cultura – Pier Paolo Pasolini

Vi ricordate la mia lista di libri?

Sto ancora leggendo Conrad Heart Of Darkness in lingua inglese e  nonostante siano solo un 100 di pagine ho scoperto di avere un dizionario veramente limitato

(Questo il link se volete prenderlo su Amazon)
Sabato mattina mi sono segnato tutte le ultime parole che avevo letto e delle quali non conoscevo il significato ed ho creato queste scorecard su Quizlet che potete usare.

https://quizlet.com/_50wbpb

Visto che io mi scordo tutto, in questo modo posso rileggere a distanza di tempo i termini che non conoscevo e rinforzare il processo di memorizzazione.

Il libro è particolare, le descrizioni dei luoghi molto belle, ma sicuramente non è un libro “allegro”.

Era dalla scorsa estate che non leggevo un romanzo, in generale mi sento più propenso alla lettura di saggi e libri tecnici, ma ogni tanto bisogna variare.

 

Se vuoi andare veloce vai da solo, se vuoi andare lontano vai in compagnia – Antico Proverbio Africano

 

Giovedì ho partecipato ad una conferenza sulle Reti Neurali da Enlabs.

Le reti neurali sono dei modelli matematici che simulano il funzionamento di una rete neurale biologica in modo estremamente semplificato.

Rientra nel fantastico mondo del Machine Learning e dell’Intelligenza Artificiale.

I campi di applicazione  sono veramente disparati, il dipartimento di Ingegneria Civile di Roma Tre negli anni ’90 (credo) , li utilizzava per determinare le cause degli incidenti stradali e trattati nel corso di Teoria delle Infrastrutture Viarie 

Durante la conferenza è stato presentato questo video meraviglioso:

Personalmente gli attuali sviluppi tecnologici delle reti neurali che più mi affascinano sono:

  • Individuazione dei tumori alla pelle attraverso analisi delle immagini con una precisione superiore a quella media dei dermatologi  https://cs.stanford.edu/people/esteva/nature/
  • Predizione della domanda/valore di determinate azioni in borsa
  • Riconoscimento di immagini ed elementi all’interno di queste sempre più sofisticati, esempio per analisi preliminari di immagini satellitari per valutare il cambiamento di fiumi, corsi d’acqua ecc… potrebbero essere utilizzati ad esempio nella lotta all’abusivismo edilizio

Personalmente con python e l’analisi dati mi sto affacciando ai modelli ARIMA sulle serie storiche ed anche in questo ambito, dei modelli predittivi, i risultati che stanno dando le reti neurali sono molto positivi in alcuni casi migliori dei modelli ARIMA come mostrato in questo studio https://www.hindawi.com/journals/jam/2014/614342/.

 

 

L’ultima grande scoperta di Giugno è http://philosophizethis.org l’autore del sito ha su spotify un podcast di Filosofia (in Inglese) spettacolare!

Capisco che per alcuni la cosa è strana (già mi è stato evidenziato da più persone), ma avere la possibilità di riscoprire Hegel, Sant’Agostino o la Scuola di Fracoforte mentre si è in treno o bloccati nel traffico è meraviglioso.

 

Un abbraccio e grazie per aver letto il mio articolo.

 

Andrea

 

ps se noti qualche errore scrivimi pure, se ti è piaciuto ricondividilo! 🙂

 

Annunci

Lascia un commento

Archiviato in riflessioni, Scritti sparsi, Viaggi

Giugno dolci dati ed ottimizzazioni

La vita è sempre trionfo dell’improbabile e miracolo dell’imprevisto.


Sono tornato da Londra e sicuramente resterò qui in Italia fino a metà Luglio.

Da metà Marzo fino alla prima settimana di Maggio ho lavorato una catena che produce cupcakes Lola.

Il negozio era un chiosco all’interno della stazione di Marylebone, veramente una bella esperienza, mi sono divertito ed ho imparato molto.

 

Dopo una settimana ero responsabile dell’apertura del negozio.

Dopo tre settimane della chiusura

Dopo cinque settimane l’amministratore delegato è venuto a parlarmi perché voleva mettermi a capo di un progetto di riduzione degli sprechi di cibo dandomi accesso a tutti i dati storici sul fatturato e costi della società.

Come è successo?

Curiosità e noia.

La chiusura del negozio prevede la stesura di un report di fine giornata dove vengono inserite da parte dell’operatore (in questo caso io) informazioni relative a:

  • Fatturato effettivo della giornata
  • Target che era stato definito
  • Sprechi (i cupcakes sono freschi e vengono buttati a fine giornata)
  • Cosa l’azienda avrebbe dovuto fare diversamente da qui ad un anno
  • Idee creative che fossero venute in mente durante la giornata

Una cosa che mi aveva colpito mentre lavoravo era la differenza tra Fatturato – Target – Wastage che non sembrava ottimizzata. (spoiler: c’è un ampio margine di miglioramento 🙂 )

Così un giorno in cui c’erano pochi clienti e mi stavo annoiando ho aperto il pc e con largo anticipo ho iniziato a scrivere il report evidenziando che l’ordine quotidiano di dolci effettuato dalla store manager doveva basarsi su un modello predittivo (una regressione lineare) che considerasse una pluralità di variabili (dati storici sulle vendite, condizioni meteo, flusso di persone della stazione) e che c’era la necessità di studiare la correlazione tra le variabili del modello ed i dati storici.

A  seguito del mio report il CEO ha scritto una email alla store manager dicendole che voleva assolutamente parlarmi, mi ha portato a cena, mi ha proposto di occuparmi di realizzare il nuovo progetto per la riduzione degli sprechi di cibo una volta tornato dall’Italia e di fare la mia offerta economica per il progetto.

Attualmente sto lavorando a distanza, mi sto occupando di tutta una fase preliminare di analisi della quantità e qualità di dati effettivamente disponibili.

It’s easier to fool people than to convice them that they’ve been fooled


Oltre a questo progetto di riduzione degli sprechi, giovedì mi è stato proposto un ulteriore progetto sempre su Londra di ottimizzazione e big data, di questo non posso condividere ulteriori dettagli.

E’ un progetto molto complesso e se l’incarico dovesse essere confermato vedrà l’applicazione di almeno tre differenti algoritmi di Machine Learning.

Continua sempre il mio supporto all’Associazione di InnovAction Lab, ma devo essere più presente, siamo ancora in alto mare con il DB (colpa mia), l’ultimo evento su Roma è stato un flop, ma il BBQ di Agosto è già in agenda.

Per non farmi mancare nulla dovrò sistemare alcune questioni amministrative ed operative per l’azienda di famiglia e devo (da almeno due mesi) rifare il sito di Wheelab per raccontare quello che è stato,  il rinnovo del sito mi è stato suggerito e richiesto da molti recruiter.

Gli impegni per Giugno sono tanti, le energie sono sempre le stesse e non dormire sarebbe solo un problema per la produttività.

La produttività è sempre un tema particolare.

La nostra capacità di concentrazione è crollata sensibilmente, in alcuni casi paragonabile a quella di un pesce rosso (http://time.com/3858309/attention-spans-goldfish/) e purtroppo guardiamo lo schermo del cellulare ogni 10-12 minuti, circa 80 volte al giorno(http://www.businessinsider.com/dscout-research-people-touch-cell-phones-2617-times-a-day-2016-7?IR=T).

A ragione di questo ho deciso che temporaneamente per tutto il mese di Giugno non sarò presente sui social network. 

  • Eliminazione di Instagram-Linkedin-Twitter dal cellulare
  • Cambio password di Facebook e disconnessione dell’account

Quando sarà Luglio uscirò dalla caverna.

 

Se ci riuscirò scriverò qualche articolo sugli ultimi libri letti nei mesi passati, sto rispettando abbastanza bene la lista che avevo fatto a Gennaio.

Un abbraccio e grazie per aver letto il mio articolo.

 

Andrea

 

ps se noti qualche errore scrivimi pure

Lascia un commento

Archiviato in riflessioni, Scritti sparsi